Track-Day al Circuito del Mugello con i Clienti

  • 56158229_2271254919561352_3737775880110342144_o
  • 56229224_2271254872894690_5026744966353780736_n
  • 56539210_2271254836228027_7180735313713561600_n
  • 55910150_2271254802894697_1539901141762965504_o
  • 56350765_2271254752894702_4346457249435090944_n

Il Centro Assistenza Porsche Palazzo, nella figura di Walter Palazzo, ha visto protagonisti dei clienti in pista al Circuito del Mugello.

I preparativi sono iniziati già nelle settimane precedenti con il via vai in officina, per organizzare con lui la preparazione delle macchine alla faticosa giornata che ha messo a dura prova gomme, freni e motori dei bellissimi bolidi protagonisti del track day.

I piloti, provenienti da svariati angoli d'Italia, sono arrivati pieni di entusiasmo
all'appuntamento di lunedì sera a Scarperia, per la cena di gruppo a base di fiorentine alla griglia, dove non sono mancati i brindisi per le due super car new entry del gruppo.

Al mattino seguente, una colazione leggera e via tutti in autodromo a sfidare le impegnative pendenze di questa straordinaria pista, considerata l'università dei piloti.

Il tracciato presenta delle insidie e non è mancata neanche per gli esperti qualche sbandata al cardiopalmo, come quella alle Biondetti o come l'uscita di pista alla Casanova Savelli, resa spettacolare da una nuvola di polvere che si è sollevata tutto intorno.

La mattinata è lunga. Walter leva e mette il casco continuamente, per affiancare anche i meno esperti e trasferire loro i segreti della pista affinché portino a casa nuovi miglioramenti nei tempi e nella guida.

È il momento di salutarsi, riprendere la strada e tornare a casa, ma non può mancare la foto ricordo tutti insieme per catturare di questa giornata i sorrisi di tutti, che ne raccontano l'amicizia, la condivisione e la passione per il Motorsport.

Per tanti è un martedì pomeriggio qualsiasi, ma una carovana di bolidi colorati e rumorosi imbocca l'autostrada, ed è uno spettacolo vederli passare tutti insieme e sentire il rombo di questi fantastici motori che sono l'orgoglio di Stoccarda e il mito di intere generazioni.

I commenti sono chiusi